Salta al contenuto

Diritto annuale

Il tributo annuale da versare a favore della Camera di Commercio competente per territorio

Il diritto annuale è il tributo dovuto a ogni singola Camera di Commercio da ogni impresa iscritta o annotata nel Registro delle imprese, e da ogni soggetto iscritto nel Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative, REA. Il versamento è previsto dall'art.18 della legge 29 dicembre 1993, n. 580 come modificata dal decreto legislativo 5 febbraio 2010, n. 23.

A chi si rivolge

Tutte le imprese, sia attive che inattive, iscritte o annotate al Registro imprese e i soggetti iscritti al Rea, al 1° gennaio di ogni anno devono pagare il diritto annuale.
Anche chi è iscritto o annotato nel corso dell'anno, anche solo per una frazione di esso, deve pagare il diritto annuale.

Accedere al servizio

Come si fa
Pagamento con Modello F24

Il versamento va effettuato in un'unica soluzione tramite il modello F24 Sezione IMU e altri tributi locali., con possibilità di compensazione con altre imposte.
Se il pagamento prevede la maggiorazione dello 0,40%, questa non andrà arrotondata né in eccesso né in difetto.

L'Agenzia dell'Entrate fornisce istruzioni sulle modalità di pagamento telematico.

Come compilare correttamente il modello F24.

Riportare negli appositi spazi, con la massima attenzione, il codice fiscale (non la P.IVA se diversa), i dati anagrafici e il domicilio fiscale.

Compilare la sezione "IMU ED ALTRI TRIBUTI LOCALI" come segue:

Codice Ente: sigla automobilistica della Camera di Commercio destinataria (nel caso della Camera di Commercio dell’Umbria indicare “PG” o “TR” a seconda di dove è ubicata la sede dell’impresa o della società).

Codice Tributo: 3850

Anno di riferimento: l’anno cui si riferisce il versamento

Per ogni provincia va compilata una sola riga, sommando gli eventuali importi multipli (es. per unità locali nella stessa provincia della sede) destinati a quella provincia.

E’ possibile compensare il diritto annuale con eventuali crediti (imposte, tributi, contributi per cui è previsto l’utilizzo del Mod.F24).

Pagamento contestuale all’iscrizione di impresa, soggetto REA o unita’ locale in corso d’anno

Il pagamento può essere eseguito scegliendo fra le seguenti opzioni:

- addebito contestuale alla pratica - è necessario verificare che i fondi depositati sul conto prepagato siano sufficienti

- pagamento tramite F24 telematico - l'impresa deve effettuare il versamento dell'importo entro 30 giorni dalla presentazione della domanda di iscrizione. Vanno utilizzate le stesse modalità e gli stessi codici previsti per la scadenza ordinaria.

Costi e vincoli

Costi

Per l'anno 2021 sono stati confermati gli importi del diritto annuale 2020. L'importo va quindi calcolato con i criteri definiti negli anni precedenti.
E' possibile utilizzare la procedura messa gratuitamente a disposizione dal sistema camerale calcolo del diritto annuale al seguente link dirittoannuale.camcom.it

Tempi e scadenze

ll diritto annuale deve essere versato, in unica soluzione, entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, di norma il 30 giugno.

Per il pagamento del diritto annuale effettuato nei 30 giorni successivi alla scadenza, l’importo va maggiorato dello 0,40% - interesse corrispettivo - In questo caso l’importo dello 0,40% va sommato a quello del diritto e riportato in un unico rigo del modello F24, senza arrotondamento, anche in caso di compensazione con altri tributi.

Casi particolari

Sono esonerate dal pagamento del diritto annuale:

  • le imprese che, al 31 dicembre dell´anno precedente a quello cui si riferisce il diritto annuale, risultino in fallimento o in liquidazione coatta amministrativa (salvo i casi in cui sia stato autorizzato l'esercizio provvisorio dell´attività)
  • le imprese individuali che abbiano cessato l'attività entro il 31 dicembre dell'anno precedente e abbiano presentato la domanda di cancellazione dal Registro imprese entro il 30 gennaio dell'anno cui si riferisce il diritto annuale
  • le società e altri enti collettivi in liquidazione che abbiano approvato il bilancio finale di liquidazione entro il 31 dicembre dell'anno precedente e abbiano presentato la domanda di cancellazione dal Registro imprese entro il 30 gennaio dell´anno cui si riferisce il diritto annuale
  • le società di persone per le quali sia stato deliberato lo scioglimento senza messa in liquidazione entro il 31 dicembre dell'anno precedente e sia stata presentata domanda di cancellazione dal Registro imprese entro il 30 gennaio dell'anno cui si riferisce il diritto annuale
  • le cooperative che alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello cui si riferisce il diritto annuale risultino sciolte per effetto di un provvedimento dell'autorità governativa (come prevede l'articolo 2545 septiesdecies c.c.)

Contatti

Allegati

Diritto annuale 2021: ulteriore proroga scadenza

Per tutti i contribuenti soggetti agli indici sintetici di affidabilità fiscale

Esplora