Salta al contenuto

Salgono in Umbria le start up innovative, Perugia traina

In crescita rispetto al consuntivo di fine marzo

Data:

21-07-2021

In Umbria le start up innovative registrate al 1° luglio 2021 sono 217, e rappresentano il 4,3% del totale delle nuove società di capitali registrate in regione (possono ottenere lo status di startup innovativa le società di capitali costituite da meno di cinque anni, con fatturato annuo inferiore a cinque milioni di euro, non quotate, e in possesso di determinati indicatori relativi all’innovazione tecnologica ndr) e incidono per 1,6% sul totale nazionale.

Dato in crescita rispetto al consuntivo di fine marzo, chiuso dall’Umbria con 201 start up innovative iscritte nell’apposita sezione del Registro Imprese della Camera di Commercio dell’Umbria.

Buona la performance di Perugia anche in questo II trimestre dell’anno. Si conferma infatti tra le prime venti province italiane per numero di start up innovative. Operano al 1 luglio di questo anno nel capoluogo 164 start up, l’1,21% del totale nazionale.

E’ uno degli aspetti che emerge dall’ultimo Report di monitoraggio trimestrale, dedicato ai trend demografici e alle performance economiche delle startup innovative, di MISE, InfoCamere e Unioncamere.

“I dati sulle start up innovative ci dicono sostanzialmente due cose: che l’ecosistema dell’innovazione continua a popolarsi in Umbria di nuovi attori riflette il Presidente della Camera di Commercio dell’Umbria, Giorgio Mencaroni e che la capacità di fare innovazione, processo lento e che richiede un know-how specifico, si sta facendo avanti tra le nostre aziende del capoluogo, come confermato dal Report trimestrale che piazza Perugia tra le prime venti province in Italia”.

L’iscrizione al Registro delle Start up deve inoltre essere verificata ogni anno. Di seguito il link per l’aggiornamento dell’iscrizione.

Il quadro nazionale Al termine del 2° trimestre 2021, il numero di startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese è pari a 13.582, in aumento di 1021 unità (+8,1%) rispetto al trimestre precedente.

Anche nel secondo trimestre dell’anno si conferma a livello nazionale il podio per la Lombardia 3.627, pari al 26,7% del totale nazionale, seguono il Lazio (1.586, 11,7% del totale), la Campania con 1.205 startup (8,9%).

Per quanto riguarda la distribuzione per settori di attività il 75% delle startup innovative fornisce servizi alle imprese (in particolare, prevalgono produzione di software e consulenza informatica, 37,4%; attività di R&S, 14,7%; attività dei servizi d’informazione, 8,7%), il 16,6% opera nel manifatturiero (in particolare fabbricazione di macchinari) mentre il 3,0% opera nel commercio.

Le startup innovative a prevalenza giovanile (under 35) sono 2.451, il 18,1% del totale. Si tratta di un dato di quattro punti percentuali superiore rispetto a quello riscontrato tra le nuove aziende non innovative (14,9%).

Le startup innovative sono contraddistinte da compagini significativamente più ampie rispetto alle altre nuove società di capitali: in media ciascuna startup ha 4,9 soci, contro i 2,1 riscontrati tra le altre nuove imprese.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

21-07-2021 12:07

Questa pagina ti è stata utile?