Salta al contenuto

Le province di Terni e Perugia, rispettivamente all’ottavo e nono posto per crescita del valore aggiunto tra il 2019 -2021 (nel 2021 il Ternano è sopra dell’1,9% rispetto al 1019 e il Perugino dell’1,83% ) e in prima e seconda posizione per aumento del valore aggiunto nell’edilizia (+41,94% il Ternano e +39,85% il Perugino rispetto al valore aggiunto delle costruzioni del 2019), sono nel piccolo gruppo delle 22 province italiane (su 107) che hanno lasciato alle spalle nel 2021 la crisi causata dal Covid, superando la ricchezza prodotta nel 2019 a valori correnti. Il boom delle costruzioni in Umbria è spiegabile non solo con la spinta del 110%, ma anche con quella della ricostruzione post-terremoto.

Se nelle costruzioni le due province umbre appaiono primatiste assolute, si piazzano in posizioni medio-alte nell’industria in senso stretto, dove Perugia è al 21° posto con una crescita del valore aggiunto del 5,21% sul 2019 e Terni in 28esima posizione con +4,72%. Entrambe, quindi, in questo settore hanno superato con decisione la crisi da Covid, con la provincia di Perugia che è al secondo posto nel Centro e quella di Terni al terzo. E pure per quanto riguarda i servizi sia la provincia di Perugia che quella di Terni si situano nella parte alta anche della graduatoria (al 15° posto la provincia di Perugia e al 18° quelli Terni), anche se in questo settore non rientrano tra le 9 province italiane su 107 che registrano il segno più, superando quindi i livelli 2019 (il Perugino nei servizi nel 2021 marca, sempre in termini di valore aggiunto -1,19% rispetto al 2019 e il Ternano -1,51%).

Male invece nell’agricoltura, dove la provincia di Terni è al 101esimo posto (il valore aggiunto del settore agricolo è ancora inferiore del 10,11% rispetto a quello del 2019) e quella di Perugia al 102esimo (-10,52%), quindi tra le peggiori a livello nazionale.

L’andamento complessivo del valore aggiunto pro-capite 2019-2021 vede la provincia di Perugia a quota 24.904,24 euro (52esimo posto in graduatoria nazionale nel 2021, la stessa posizione del 2019) e quella di Terni a 23.030,33 (62° posto in graduatoria nazionale nel 2021, migliorando di 8 posizioni rispetto al 2019).

Emerge dall’approfondita analisi realizzata dal Centro Studi Tagliacarne e Unioncamere sul valore aggiunto provinciale del 2021 e i confronti con il 2019, che è una delle tradizionali attività di misurazione dell’economia dei territori realizzata dal sistema camerale.

L’Umbria complessivamente esce bene dall’analisi del Centro-Studi Tagliacarne - commenta il Presidente della Camera di Commercio dell’Umbria - Giorgio Mencaroni - dimostrando una capacità di resilienza e di reazione capace di portarla tra le realtà che hanno superato i livelli di attività economica pre-Covid e risultando in questo la prima regione del Centro. Esclusa l’agricoltura, il 2021 ha visto un ottimo rimbalzo in tutti gli altri settori: eccellente quello dell’edilizia grazie a provvedimenti come il 110% e alla ricostruzione post-sisma, buono quello dell’industria manifatturiera, discreto/buono quello dei servizi. All’interno dei servizi, nel 2021 anche il turismo in Umbria ha avuto un incremento più elevato di quello medio nazionale. Ora tuttavia la regione deve cercare di affrontare al meglio nuove difficoltà, dai maxi rincari energetici alla crescita del costo del denaro, all’inflazione che taglieggia il potere d’acquisto. Si deve fare in modo che la spinta propulsiva del 2021 e anche dei primi due trimestri del 2022 non venga dispersa. Ma occorre anche operare guardando al medio periodo, nell’ottica di superare nodi storici che pesano sullo sviluppo dell’Umbria, da quelli infrastrutturali a quelli sull’innovazione e quindi al ritardo nella produttività”.

Il Covid ha rimescolato la geografia produttiva del Paese - afferma il Presidente di Unioncamere, Andrea Prete - Registriamo, infatti, la crisi della tradizionale direttrice adriatica dello sviluppo e il rilancio di quella tirrenica, una differenziazione dei fenomeni di crescita nel Mezzogiorno, difficoltà di diverse aree del Triveneto e il rafforzamento delle performances della provincia rispetto a quelle dei grandi centri metropolitani. Se le province a maggiore densità industriale hanno dimostrato una maggiore resistenza rispetto alle altre, resta comunque il dato che questo dinamismo non è bastato a riportare in maniera territorialmente diffusa i livelli precedenti alla pandemia”.

A Terni e Perugia boom dell’edilizia

Sulla scia dei provvedimenti governativi, il comparto delle costruzioni ha recuperato più velocemente le performance pre-Covid (+12,6% sul 2019). Come detto, boom di crescita sia a Terni, che sfiora il +42%, sia a Perugia (+39,8%). Seguono Messina (+37,6%) ed Enna (+35,75%). In generale, Umbria e Sicilia mostrano andamenti nettamente superiori alla media nazionale con tassi di crescita superiori al 30%, ad eccezione di Caltanissetta e Siracusa, che comunque evidenziano incrementi tra il 27 e il 28%. Ma nel complesso tutte le province italiane presentano un trend positivo, salvo Pordenone (-6,7%), Udine (-2,5%) e le province autonome di Bolzano (-0,5%) e Trento (-0,8%).

Nord-Ovest guida la ripresa del manifatturiero. Umbria nella fascia medio-alta della graduatoria

L’industria manifatturiera nel 2021 mostra una crescita dell’1,9% sul 2019, grazie alle buone performance dello scorso anno che si è chiuso con un incremento del 10,2% rispetto al 2020. La ripartenza è sostenuta soprattutto dal Nord Ovest (+ 2,7%) e dalle Isole (+2,3%) e in misura minore dal Centro (+1,8%) e dal Nord-Est (1,5%). Chiude, invece, alla pari il Sud, ma con forti eterogeneità tra i vari territori. Nell’ambito del Centro, sia la provincia di Perugia (+5,27%, seconda dopo Latina) che quella di Terni (+4,72%, al terzo posto) superano il +1,8% che marca questa circoscrizione territoriale.

Attività turistiche, culturali e ricreative frenano il terziario

Manca l’obiettivo del recupero dei livelli pre-pandemia il settore dei servizi, che perde il 2,9% di valore aggiunto tra il 2021 e il 2019. A rallentare il passo è la difficoltà di ripresa del turismo, che è ancora sotto di un quarto rispetto al periodo pre-Covid. Ma anche le attività artistiche e creative (-25%) e quelle di supporto alle imprese (-11,8%) presentano ancora forti ritardi. Due attività che hanno il loro cuore pulsante nelle grandi città come Milano e Roma, che perdono rispettivamente il 3,1% e il 2,1%. Sul fronte opposto, le uniche nove province che hanno superato i livelli di valore aggiunto prodotto dal terziario nel 2019 sono tutte del Mezzogiorno, ad eccezione di Frosinone.

Province con piccole imprese recuperano più di quelle con aziende grandi

Nel confronto tra il 2021 e il 2019 sono i territori caratterizzati da una modesta dimensione imprenditoriale per numero di addetti ad essersi avvicinati di più al valore aggiunto pre- Covid (-0,6%), rispetto a quelli dove le imprese sono mediamente più grandi (- 1,6%). Proprio questi ultimi sono infatti stati i più colpiti dalla crisi pandemica nel 2020 (-7,6% contro il -6,0% delle province con imprese mediamente più piccole) e il forte rimbalzo del 2021 delle province con una dimensione di impresa più grande (+6,5% rispetto al 2020 contro il 5,7% delle altre) non è riuscito ancora a compensare le gravi perdite subite.


Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

19-09-2022 13:09

Questa pagina ti è stata utile?