Bollatura dei libri sociali

Il servizio per la presentazione dei libri da bollare e vidimare

A chi si rivolge

Imprese iscritte ed altri soggetti iscrivibili (associazioni, O.N.L.U.S., associazioni sportive dilettantistiche, associazioni tra professionisti)

Chi può presentare

Il legale rappresentante o eventuale delegato

Accedere al servizio

Come si fa

I libri devono essere presentati allo sportello per la bollatura non precompilati ma predisposti nelle seguenti modalità:

- nei libri/registri a fogli mobili e a modulo continuo, deve essere riportato in ogni pagina:

  • la denominazione dell‘impresa
  • il codice fiscale
  • il tipo di libro
  • il numero di pagina

- nei libri rilegati è invece sufficiente intestare la prima pagina o la copertina.

Le pagine non numerate devono essere annullate o con una riga o con la dicitura “spazio non utilizzabile”.

Il servizio è attivo il lunedì, martedì e giovedì dalle ore 9:00 alle ore 12:30, previo appuntamento

Costi e vincoli

Costi

I diritti di segreteria sono pari ad € 25,00 per ogni libro o registro, indipendentemente dal numero delle pagine.
Per il registro tenuto dal commissario liquidatore delle società cooperative, enti o consorzi cooperativi in liquidazione coatta amministrativa ovvero in scioglimento per atto dell’autorità, di cui all’art. 1, c. 2, della L. 400/75, il diritto di segreteria ammonta invece a €10,00.
Il versamento può essere effettuato direttamente allo sportello per contanti, carta di credito e bancomat, oppure tramite bonfico bancario alle seguenti coordinate: INTESA SANPAOLO - IBAN IT 29 W 03069 03022 100000046005.
La vidimazione dei formulari dei rifiuti trasportati è gratuita e non è soggetta a diritti di segreteria.


Tasse di concessione governativa

Tassa forfetaria: prevista per le società di capitali.
L’importo della tassa annuale di concessione governativa dipende dall’ammontare del capitale sociale o del fondo di dotazione al 1 gennaio dell’anno di riferimento; le misure della tassa sono:
- € 309,87 se il capitale sociale è pari o inferiore a € 516.456,90;
- € 516,46 se il capitale sociale supera € 516.456,90.

Tassa ordinaria: prevista per imprese individuali, società di persone, cooperative, consorzi ex art. 2612 C.C. professionisti, mutue assicuratrici, altri soggetti non iscritti.

Il versamento ammonta ad € 67,00 ogni 500 pagine o frazione.

Imposta di bollo

  • Soggetti a regime ordinario ovvero:

società cooperative, consorzi ex 2612 c.c., reti soggetto, imprese individuali, società di persone, società semplici, associazioni e fondazioni (“non onlus” ai sensi del D.Lgs. n. 460/97), mutue assicuratrici, G.E.I.E, liberi professionisti, altri enti e soggetti non iscritti: -
Per libro giornale e libro inventari:
€ 32,00 ogni 100 pagine o frazione
- Per libri diversi dal libro giornale e inventari:
€ 16,00 ogni 100 pagine o frazione di 100 pagine


  • Soggetti a regime forfettario ovvero società di capitali (s.p.a, s.a.p.a., s.r.l.), società consortili a r.l. e per azioni, sedi secondarie di società estere, aziende speciali e consorzi fra enti locali di cui al D.Lgs. 267/2000, enti pubblici economici:

- € 16,00 ogni 100 pagine o frazione di 100 pagine, a prescindere dal tipo di libro

Esenzione dall 'imposta di bollo

L’esenzione totale dall’imposta di bollo si applica per:

  • I formulari dei rifiuti trasportati
  • I registri di carico/scarico rifiuti
  • I repertori, libri, registri ed elenchi prescritti dalle leggi tributarie
  • Il registro tenuto dal commissario liquidatore delle società cooperative, enti o consorzi cooperativi in liquidazione coatta amministrativa ovvero in scioglimento per atto dell’autorità in quanto la vidimazione è effettuata in forma semplificata e non nei modi di cui all’art. 2215 c.c.
  • Le Cooperative edilizie iscritte nel registro prefettizio. In calce al libro deve essere riportata la dicitura; “Esente da imposta di bollo ai sensi art. 66 D.L. 331/1993 conv. in L. n. 427 del 29/10/1993”.
  • Le Cooperative sociali e le O.N.L.U.S. in genere.

Tali enti in calce al libro devono indicare “Esente da imposta di bollo ai sensi art. 17 D.Lgs. n. 460 del 4/12/1997”.

Ai fini dell’esenzione del bollo occorre allegare al modello L2 una dichiarazione sostitutiva di atto notorio firmata dal legale rappresentante, unitamente a copia di un suo documento di identità in corso di validità, in cui dichiari per quali motivi la sua organizzazione rientra tra i soggetti a regime fiscale agevolato pertanto:

- per le Onlus, allegare copia della comunicazione inviata dall’Ag. delle Entrate – Direzione Regionale dell’Umbria- a conferma dell’iscrizione nell’Anagrafe Unica delle Onlus;

- per gli Organismi di volontariato (associazioni e fondazioni di volontariato) produrre copia della lettera di iscrizione al Registro Regionale delle Organizzazioni del Volontariato;

- per le cooperative sociali e dei loro consorzi, la qualifica di ONLUS è verificabile d’ufficio tramite la visura camerale se nella denominazione è riportata la dicitura “cooperativa sociale”.

  • Le Federazioni sportive e gli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI ed iscritti nell’apposito registro telematico sul sito dello stesso Comitato

In calce al libro/registro va riportata la dicitura: “Esente da imposta di bollo ai sensi art. 27 bis D.P.R. 26/10/72 n. 642”.

Ai fini dell’esenzione è necessario produrre copia del certificato del CONI che attesta l’iscrizione nell’apposito Registro nazionale delle società e associazioni sportive dilettantistiche o autocertificare gli estremi di iscrizione.

Casi particolari

Per la vidimazione del formulario di identificazione del rifiuto è operativa la nuova applicazione Vi.Vi.FIR che permette a imprese ed enti di produrre e vidimare autonomamente.

Il servizio é accessibile dall'indirizzo https://vivifir.ecocamere.it dove è possibile trovare anche il materiale illustrativo ed i tutorial per l'utilizzo.

Contatti

Ulteriori informazioni

Maggiori dettagli sono contenuti nella Guida pubblicata in questa pagina

Ultimo aggiornamento

28-05-2021 09:05