Salta al contenuto

I Presidenti di tutte le Camere di Commercio italiane in Assemblea nazionale a Roma

Piena condivisione con le posizioni espresse dal Presidente Prete, rimarcata dal nostro presidente Giorgio Mencaroni, presente all’Assemblea.

Data:

02-11-2021

“Il successo delle politiche legate al Pnrr rende indispensabile un maggior raccordo tra Governo, mondo delle imprese e Camere di Commercio, perno essenziale di questo speciale raccordo”.

Lo ha sottolineato il presidente di Unioncamere nazionale, Andrea Prete, nel corso dell’Assemblea dei presidenti di tutte le Camere di Commercio italiane, alla quale ha partecipato il Ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti.

Semplificazione, trasformazione digitale e innovazione, sostenibilità, mercato del lavoro, imprenditorialità, internazionalizzazione sono i cinque temi sui quali le Camere di commercio possono dare un valido contributo per la crescita economica del Paese”, ha segnalato il presidente Prete, chiedendo di completare la riforma delle Camere “in modo da terminare quel percorso di riordino che ci ha restituito strutture più moderne e più efficienti, che possono mettere a disposizione l’esperienza maturata nel corso degli anni nel portare le misure del Governo fino alle imprese”.

Per il Presidente di Unioncamere “la transizione amministrativa è la prima gamba del processo di cambiamento in corso”. “E - ha ricordato - una riduzione anche solo del 25% delle procedure amministrative, comporterebbe un aumento del Prodotto Interno lordo dell’1,8% entro il 2026”.

“E’ necessario però, che questa transizione allunghi il passo -, perché le imprese per competere hanno bisogno di poter contare su una macchina pubblica più veloce ed efficiente”.

Per questo Prete ha annunciato la costituzione, presso Unioncamere, di una Commissione permanente per la semplificazione, con la partecipazione delle Confederazioni imprenditoriali dei diversi settori. Obiettivo della Commissione è avviare un tavolo di confronto per condividere proposte concrete di semplificazione e riduzione degli adempimenti burocratici a carico delle imprese, da proporre all’attenzione dei decisori pubblici. In primo luogo rimarcando quella che il sistema camerale divenga il punto unico di accesso delle imprese alla Pubblica amministrazione”.

Tra gli altri temi, l’Assemblea di Unioncamere, ha affrontato la situazione anomala del mercato del lavoro legata al mismatch tra domanda e offerta.

“Solo nel 2021 – ha affermato il Presidente della Camera di Commercio dell’Umbria Mencaroni - le imprese faticano a ricoprire un posto di lavoro su tre. Questo disallineamento rilevato da anni attraverso il Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal, rappresenta un costo per il Paese che il Censis stima superiore ai 20 miliardi di euro sottratti al Pil per questo 2021”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

03-11-2021 11:11

Questa pagina ti è stata utile?