Si è svolta come da programma sabato 18 aprile al Centro Servizi Camerali "G.Alessi" la cerimonia di premiazione di Raccontami l'Umbria - Stories on Umbria 2015, il Premio Giornalistico Internazionale istituito dalle Camere di Commercio di Perugia e Terni e inserito fin dalla sua prima edizione nel programma del Festival Internazionale di Giornalismo. Il concorso intende premiare ogni anno articoli, reportage di viaggio, inchieste, docufilm, servizi web dedicati all’Umbria, alle sue eccellenze artistico, culturali, ambientali, ma anche economiche e produttive. Il Premio fa parte degli interventi che le Camere di Commercio umbre rivolgono alla promozione del territorio e delle eccellenze del sistema d’impresa regionale, un patrimonio straordinario, ma ancora poco conosciuto.

La Giuria di “Raccontami l’Umbria” è stata guidata quest’anno dal giornalista-scrittore Dennis Redmont. Al suo fianco i presidenti delle Camere di Commercio di Perugia e Terni Giorgio Mencaroni e Giuseppe Flamini, i segretari generali dei due enti Mario Pera e Giuliana Piandoro, i giornalisti Bruno Gambacorta, Federico Fioravanti e Egidio Urbanella, Paola Buonomo, responsabile Comunicazione della Camera di Commercio di Perugia, e Simona Maggi, vice presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Umbria.

“La VI Edizione di “Raccontami l’Umbria” conferma la crescente popolarità del concorso nel mondo della comunicazione. Oggi “Raccontami l’Umbria”, nato con lo scopo di far conoscere e promuovere l’immagine “eccellente” della nostra terra, è diventato esso stesso eccellenza del sistema camerale locale, alla costante ricerca di strumenti promozionali in grado di esaltare e sostenere il nostro sistema economico”, ha affermato Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia. Ancora Mencaroni: “Raccontami l’Umbria” attraverso i racconti, video, docufilm propone ogni volta una sorta di “viaggio esperienziale”, nella suggestione di territori così colmi di bellezza: paesaggistica, artistica, ambientale, ma anche produttiva”.

“Raccontami l’Umbria” è la comunicazione che serve all’Umbria per aprirsi al mondo: autorevole, cosmopolita, attenta, di una curiosità raffinata capace di scrutare nel fondo e portare alla luce le innumerevoli gemme che impreziosiscono la nostra terra. Ogni articolo, ogni reportage, ogni servizio telegiornalistico, che partecipa a “Raccontami l’Umbria” è una piccola storia sulla nostra cultura, la nostra arte, sull’ambiente e il nostro modo di vivere e fare economia”.

E “Raccontami l’Umbria” cresce e si apre ad altre iniziative. Nel prossimo settembre, ha annunciato Mencaroni, porteremo il concorso all’”Isola del Libro” che si tiene sull’Isola Maggiore del Lago Trasimeno. Titolo? “Raccontami l’Umbria… con un libro”.

Il successo di “Raccontami l’Umbria” è tutto nei numeri riferiti da Dennis Redmont, presidente della Giuria. “Il Premio ha visto crescere progressivamente il proprio pubblico e questo è motivo di grande soddisfazione. Oltre 300 sono le candidature esaminate in queste sei edizioni, accanto a quasi 200 segnalazioni della Giuria, per un totale di 500 articoli e servizi video, che compongono un originale affresco dell’Umbria. Quest’anno, abbiamo preso in esame 63 candidature, di cui: 37 nella sezione Stampa nazionale e internazionale, 14 per la Stampa locale e 12 nella sezione Video, tutte di alto livello e qualità. Le testate rappresentate, ancora una volta sono tra le più autorevoli e prestigiose: Washington Post, New York Times, Touring, Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, Libero, Il Sole 24 Ore – Viaggi, Le Telegramme, Les Echos, China Daily, Marcopolo…”.

I vincitori della VI Edizione “Raccontami l’Umbria – Stories on Umbria”

Sezione Stampa Nazionale e Internazionale
Primo Premio a Keiran Mulvaney per l’articolo “Olive Oil in Paciano” pubblicato dal “Washington Post Magazine”.

“A metà strada tra il giornalismo e la letteratura, quasi un racconto autobiografico. Con “Olive Oil in Paciano” Mulvaney grazie alle sue capacità stilistiche e narrative riesce a rappresentare con vivacità e pienezza l’Umbria più vera, quella che spesso non trova spazio nei giornali e, ben lontano da una rappresentazione oleografica, conduce il lettore a percepire con pienezza i sapori e gli odori di questa splendida terra”

Sezione Video
Primo Premio a Beilei Zong per il video “Orvieto, città slow in green heart of Italy”

"Zong Beilei non si è limitata a rappresentare Orvieto come città fatta di monumenti e di bellezze artistiche, ma ha anche cercato di far emergere l’anima di questo luogo, vale a dire il suo essere “slow”, un termine che va inteso come riscoperta della terra e del territorio. L’accuratezza del video, realizzato da una persona proveniente da un paese così lontano come la Cina, non può che farci apprezzare ancor più il lavoro di questa giornalista."

Sezione Stampa Locale
Primo Premio a Claudio Sampaolo per l’articolo "Formaggio e yogurt bio se adottate queste pecore" pubblicato dal “Giornale dell’Umbria”.

“Nonostante i molti anni di carriera, Claudio Sampaolo continua a stupirsi e a raccontare le piccole cose che rendono l’Umbria una regione apprezzata in tutto il mondo. In questo caso ha messo in risalto un’esperienza imprenditoriale positiva, in cui le nuove generazioni riescono a prendere in mano antichi mestieri rinvigorendoli grazie all’uso della tecnologia e ha mostrato di saper portare alla luce storie significative che parlano di lavoro e artigianato”.

La Giuria ha assegnato tre Menzioni Speciali, due nella Categoria Stampa nazionale e internazionale e una in quella Video.

Per la Stampa Internazionale Menzione Speciale alla giornalista e scrittrice Elaine Sciolino del “The New York Times” per il suo articolo “In Umbria, an Italian Olive Oil Worth the Accolades”, purtroppo assente per impegni all'estero.
"Elaine Sciolino ha mostrato di essere una scrittrice particolarmente versatile e grazie alle sue doti narrative è riuscita a descrivere la ricchezza dell'olio umbro e cosa esso rappresenta per la regione, non solo dal punto di vista economico, ma anche culturale. Anche per questa dote narrativa presente nell'articolo pubblicato su The New York Times, la Giuria ha deciso di riconoscerle una menzione speciale."
Per la Stampa nazionale menzione Speciale a Isabella Brega, per il servizio pubblicato da Touring “La Valle delle Meraviglie”.
"La Giuria ha apprezzato la scelta del tema, la Valnerina, e la completezza dell'articolo, corredato da splendide foto. Nel suo articolo Isabella Brega ha ripercorso la storia di un’Umbria a parte, come scrive la stessa giornalista, «non l'Umbria dolce e pacata di San Francesco ma quella feroce di Jacopone da Todi», portandoci così in un viaggio dove sacro e profano si mescolano indissolubilmente."

Inoltre la Giuria ha deciso di conferire una Menzione speciale nella Sezione Video a Giovanni Obligato, videomaker italiano per il film “Perugia, lo rifarei!”
"Nel suo video Giovanni Obligato racconta luoghi e contesti sociali della città di Perugia, che caratterizzano la quotidianità dei tanti studenti “fuori sede” che qui vengono a studiare e a vivere. La Giuria ha apprezzato la scelta di regia e l'originalità dell'esecuzione con la quale Obligato ha voluto mettere in luce le qualità di una città universitaria troppo spesso rappresentata dai media per notizie legate al traffico di droga o a casi di cronaca nera."

Edizione 2015

Edizione 2015

Edizione 2015

Edizione 2015

Edizione 2015

Edizione 2015

Edizione 2015



Edizione 2015

Questa pagina ti è stata utile?