Questo sito utilizza cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consultate la privacy policy del sito

Top menu

risultati economici

Il Pil per abitante nel 2016 risulta pari a 34,2 mila euro nel Nord -ovest, a 33,3 mila euro nel Nor-est e a 29,9 mila euro nel Centro. Nel periodo 2011- 2016 la migliore performance dell’ occupazione è   stata registrata dalla Provincia Autonoma di Bolzano -Bozen (+0,7%), mentre quella più negativa ha riguardato Umbria e Calabria, con un calo degli occupati di circa l’1% annuo.

Con 34,2mila euro nel 2016 (erano 33,6mila nel 2015) il Nord-ovest resta l’area geografica dove il Pil per abitante (misurato in termini nominali) è il più elevato. Seguono il Nord-est, con 33,3 mila euro (31,9mila euro nel 2011) e il Centro, con 29,9

Mila euro (30,4mila euro nel 2011). Il Mezzogiorno, con 18,2 mila euro (poco più della metà di quello del Nord-ovest), si riporta quasi al livello del 2011 (18,1mila euro) (Figura 1a). La graduatoria regionale vede in testa la Provincia Autonoma di

Bolzano-Bozen, con un Pil per abitante di 42,5 mila euro, seguita da Lombardia, Provincia Autonoma di Trento e Valle d’Aosta. L’Umbria con circa 24 mila euro risulta l’ultima regione dell’Italia centrale con solo 7 regioni che segnano un Pil più basso.

Nel 2016 in Italia la spesa per consumi finali delle famiglie per abitante valutata a prezzi correnti è stata di 17 mila euro. I valori di spesa procapite più elevati si registrano al Nord-ovest e Nord-est (rispettivamente 19,9 mila e 19,6 mila euro); il Mezzogiorno si conferma, invece, l’area in cui il livello di spesa è più basso (12,9 mila euro). La Valle d’Aosta e la Provincia Autonoma di Bolzano-Bozen restano le regioni con il più alto livello di consumi finali procapite (rispettivamente 23,6 mila e 23,2 mila euro) mentre l’Umbria con 16,3 mila euro si posiziona al tredicesimo posto.

Nel 2016 il Pil in volume a livello nazionale è aumentato dello 0,9% rispetto all’anno precedente; rispetto al 2011 ha segnato una diminuzione, ad un tasso medio annuo pari a -0,5%. Situazione diversa per l’Umbria che registra una diminuzione del 1,3% e rispetto al 2011 dell’1,8%.

(Fonte: Istat)

 

 

 

 

 

 

 

Privacy Policy --- Diritti riservati Unioncamere Umbria