Questo sito utilizza cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consultate la privacy policy del sito

Top menu

Mercato del lavoro

Il 2017 si chiude con 354.803 occupati complessivi in Umbria, un valore in crescita dello 0,2% rispetto agli stessi dati dello scorso anno. Di questi occupati il 44,1% sono femmine, con 156.452 occupate donne sul totale, una percentuale più alta di ben due punti percentuali rispetto al 42% del valore italiano, ma inferiore a quello dell’Italia centrale laddove le donne occupate ammontano al 45,4% (valore raggiunto grazie al 45,4% della Toscana).

Gli occupati poi si possono distinguere in occupati dipendenti e indipendenti e in occupati a tempo pieno e a tempo parziale.

In Umbria il 75,9% sono occupati dipendenti, percentuale inferiore di mezzo punto percentuale rispetto all’Italia centrale (76,4%), e di un punto rispetto all’Italia (76,8%).

Rispetto al tempo pieno o parziale, in Umbria la percentuale degli occupati meno ore supera sia il valore nazione che quello centrale rispettivamente 18,7% e 19,4%, essendo in Umbria il 20,3%.

Analizzando i tassi di occupazione e di disoccupazione, il primo segna un 63,8% superiore a quello dei due trimestri precedenti (62,2% nel terzo trimestre e 62,5% nel secondo) e in linea con il 63,5% del primo trimestre.

Il tasso di disoccupazione si assesta al 31 dicembre 2017 al 10,4%, superiore al 10% dell’Italia centrale e Inferiore all’11,2% dell’Italia. Interessante notare il calo rispetto al 10,8% del 30 settembre, controtendenza rispetto a quello che accade negli altri due territori di riferimento dove il tasso aumenta. Così come è da evidenziare che a fine 2016 il tassi era stato dell’8,9% con un punto e mezzo di aumento in un anno mentre sia l’Italia che l’Italia centrale vedono una diminuzione.

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Privacy Policy --- Diritti riservati Unioncamere Umbria